artisti di Arte Citta' Amica
  Patrizia Aquino
  Mail:  paquiart03@gmail.com
  Sito Web:  patriziaaquino.jimdo.com
Pittrice
Clicca per ingrandire Clicca per ingrandire Clicca per ingrandire Clicca per ingrandire
Jyoti nel cuore Il quotidiano Festa universale Espressione di vita

Patrizia Aquino nasce a Susa (TO), vive e lavora a Pianezza (TO).
Appassionata fin da bambina di disegno in quanto sua espressione di creatività, studia e consegue il diploma al Liceo Artistico dell'Accademia Belle Arti di Torino.
Successivamente frequenta l'atelier di Lidia Cocco a Moncalieri (TO) acquisendo così vari stili e tecniche, tra cui la pittura su ceramica, ed aprendo lo spirito all'immaginazione creativa.
Inoltre, frequenta la bottega d'arte di Chiara Tirello a Torino partecipando sia ad un corso per la creazione degli oggetti in ceramica che ad uno stage di tecnica di cottura della ceramica raku.
Inizialmente si ispira, copia ed interpreta opere di pittori di fama anche internazionale ma successivamente le sue opere nascono da visioni, intuizioni, ispirazione e studio ed esprimono ciò che le viene suggerito dal profondo.
Espone le sue opere in Italia e all'estero dal 1987 conseguendo premi e riconoscimenti tra i quali Premio della Critica al Premio Internazionale Arte Milano 2017, ricevendo il certificato e la targa dal comitato critico composto da Vittorio Sgarbi, Marco Travaglio, Moni Ovadia e Sandro Serradifalco per l'opera "Il quotidiano"; Premio Eccellenza Europea delle Arti 2018, indetto da Effetto Arte, con certificato di premiazione a firma di Paolo Levi e targa per le opere "Jyoti nel cuore" e "L'Universo danza" ed esposizione a Roma, Barcellona e Parigi. Inoltre, diverse opere sono pubblicate su cataloghi e custodite in collezioni private.

        
L'artista Patrizia Aquino riesce ad eccellere sia nelle opere astratte sia in quelle figurative. Nel primo caso, partendo da un percorso di ricerca e di studio che si muove nell'ambito dell'astrattismo geometrico, che risente certamente della lezione di Kandinsky, riesce a realizzare opere di un linguaggio personale e moderno che appaiono come caleidoscopiche geometrie che interpretano il suo mondo interiore. Ogni soggetto viene definito attraverso la geometria che assurge il significato simbolico di strumento di interpretazione e sublimazione della realtà:, indicando a chi guarda percorsi ineffabili verso l'ignoto, narrazioni emblematiche che hanno per fine la catarsi della consapevolezza.
Le immagini, costruite attraverso insiemi di figure geometriche caratterizzati da colori compatti e vivaci, perdono ogni connotazione realistica per assumere il valore di cifra espressiva personale. Nelle opere figurative l'artista tratta il reale per suggerire, con partecipata leggerezza della visione, nuove prospettive, per mostrare come sia possibile reinventare la propria quotidianità. In un'instancabile ricerca espressiva ed estetica, l'artista coniuga visione ed emozione, usando la pittura come strumento per cogliere la parte più intima dell'anima, arrivando all'essenza di ogni cosa.

Sandro Serradifalco